martedì 21 febbraio 2012

HAI STUDIATO AD OXFORD?


esiste al mondo un qualche stronzo figlio di puttana di giornalista del cazzo che dica la parola "performance" con l'accento giusto?

(per non parlare degli idioti di giornalisti nelle trasmissioni sportive che non sanno che la pronuncia di "regime" ha l’accento tonico che cade sulla "i")

lunedì 20 febbraio 2012

NUOVO SONDAGGIO


non si è ancora chiuso l'interessante sondaggio "per un pelo di fica" che già si apre il sondaggio "preferisco".
qui a destra.

giovedì 16 febbraio 2012

SHAME E ALTRA MERDA



andare al cinema con un gruppo di amici la sera di s. valentino e constatare che la sala è piena zeppa neanche fossimo negli anni sessanta, ti fa capire che le coppie del giorno d'oggi scopano poco.
soprattutto se il film in questione è shame.
ma diciamo cosa non è shame.
non è un film sulla sessodipendenza.
non è un film sulla solitudine.
non è un film sulla malattia.
in buona sostanza, non è nemmeno un film.
perché un film è una macchina per raccontare storie.
e in shame di storie non ce ne sono.
a meno che l'uccellone di fassbender in formato sedici-noni non lo faccia assurgere automaticamente a lungometraggio.
(un gran bel cazzo anche da floscio, fassbender, complimenti!)


la verità nascosta, invece, è un po' diverso. ma solo un po'.
qui la storia c'è e, in teoria, non sarebbe neanche male.
se non fosse che la sceneggiatura l'hanno scritta dei diplomati in ragioneria laureatisi poi in sociologia, che sono riusciti a rovinare tutto.
se avessero avuto un minimo di capacità come scrittori avrebbero capito che svelare fin da subito il motivo per cui la protagonista si trova nel bunker è davvero un errore da pivelli.
cazzo: fai vedere subito la tizia dentro, ma senza dire il perché si trovi lì.
poi fai in modo che non si capisca se il fidanzato sappia o meno che lei è lì dentro, ma che si insinui il dubbio.
da lì sviluppi la storia in maniera tale che si ipotizzi sul serio un omicidio... e non con quella puttanata del cadavere ritrovato.
e poi... l'incontro del protagonista con la nuova fiamma... vi prego, una sceneggiata di una banalità sconcertante.
se non fosse stato per la figa in primo piano mentre la tizia si fa la doccia avrei preso il sonno, giuro.

mercoledì 1 febbraio 2012

QR




risposte ai commenti: