martedì 31 gennaio 2012

TIRA PIU' UN PELO DI FIGA...


stavo dando una occhiata al sondaggio "per un pelo di figa" qui a fianco ed ho notato, contro ogni previsione, che "tutta depilata" non sta avendo il successo plebiscitario che mi aspettavo.
anzi, c'è una nutrita schiera di votanti che preferisce la versione "natural".
vedi, alle volte.


giovedì 26 gennaio 2012

CAZZATE DI POCO CONTO E IL METODO ALEJ-SGRAD


mi sono arrivate un sacco di domande in merito al teorema Alej-Sgrad e, sinceramente, non c'ho cazzi di rispondere a tutte.
pertanto risponderò solo a quelle che mi va.
come sempre, del resto.


 - - - - - - - - - -

Caro Sgrad, per quale motivo il teorema di Alej-Sgrad cita anche Alej nel nome? So per certa che non è in grado di risolvere un'equazione di primo grado ad una incognita e dunque ritengo improbabile che abbia dato un contributo serio nella scoperta del teorema.
(Alej)

cara alej, che ti devo dire? suonava bene.

  - - - - - - - - - -

Caro Sgrad, perché ci sono alcune cuspidi sulla coda dei commenti? come si interpeta tale fenomeno alla luce del teorema di Alej-Sgrad?
(qualcosadelgenere, Roma)

caro qdg,
osservazione interessante e degna del tuo acume. posto anche una foto per far comprendere ai lettori meno dotati quale sia il fenomeno a cui ti riferisci.





in buona sostanza, alla funzione esponenziale, si sommano anche altri addendi di minore entità.

tali addendi, o cuspidi, si dividono essenzialmente in due categorie: gli addendi "piera" e gli addendi "insulto":

l'addendo "piera" è generato da un commento che in teoria vorrebbe essere divertente ma in realtà fa talmente cagare che un sacco di gente vorrà esprimere il proprio disappunto (vedi ad esempio il commento di piera del 29 ottobre delle ore 20:09 in "autunno").
l'addendo "insulto", invece, è un vero e proprio insulto che un lettore lancia nei confronti del proprietario del blog (vedi ad esempio il commento di utente anonimo del 26 settembre ore 11:17 in "nadia").
magari non serve nemmeno un vero e proprio insulto. basterà che il lettore si lamenti che il blogger scrive poco, o che la qualità dei pezzi non è più quella di una volta. insomma le tipiche stronzate che scrivono i lettori di qdg.
questi commenti singoli, in sostanza, si comportano da generatori di commenti a sé stanti.
è come se fossero dei micro argomenti all'interno di un post.
ora, applicando il teorema di Alej-Sgrad ad uno di questi commenti, e tenuto conto che Io=1 in quanto il commento generatore è per l'appunto unitario, si ottiene:




si ricava pertanto che, per ogni commento tipo "piera" o "insulto", si generano in media altri 3 commenti aggiuntivi per un totale di 4 commenti.
questo in sostanza spiega il fenomeno delle cuspidi.
pertanto i commenti totali in un post possono essere calcolati, più correttamente, nel seguente modo:




dove gli Ioi con i > = 1 sono le cuspidi.
tale osservazione ci permette di introdurre il "metodo Alej-Sgrad".
a differenza del teorema e del corollario, che non servono ad un cazzo, il metodo dà uno spunto interessante per aumentare il numero di commenti in un blog.
infatti, sfruttando le proprietà dei commento "piera" e "insulto" si può introdurre il commento "troll".


il commento "troll" non è altri che un finto commento di insulti che si può lasciare in un blog per fare in modo che i lettori affezionati reagiscano.
in questo modo, per ogni insulto lasciato, si generano automaticamente altri 3 commenti riparatori.
pertanto la morale è che, se volete fare contento un amico blogger, dovete andare sul suo blog e lasciare un commento anonimo in cui dite che non fa ridere o che è un coglione.


  - - - - - - - - - -

Caro Sgrad, son si capisce l'unità di misura della costante T. Cosa sono, kg?
Btu/(libbre * gradi Rankin)?
Elettronvolt?
Birre?

faccio tutti i passaggi così risulta più chiaro: dall'ultima formula di ricava 1.67 * [T] = [giorni].
ora, dato che 1.67 è un numero, si ricava che [T] è misurata in giorni.
devo fare un power point? cristosanto.


  - - - - - - - - - -

Caro Sgrad, perché invece di una funzione analitica non hai usato una s-pline per l'interpolazione con successiva integrazione numerica? E perché hai usato excel quando potevi usare una libreria dedicata su Matlab?
(Uno studente di ingegneria amico del Conte di Montenegro che ha passato abbondantemente i 28 anni rientrando di diritto nell'elenco degli sfigati)

boh.

 - - - - - - - - - -

Caro Sgrad, a dispetto delle intercettazioni, secondo lei Schettino riuscirà a far credere di essere caduto dentro una scialuppa di salvataggio contro la propria volontà?
(Sig. De Falco, Livorno)

gentile de falco, di solito l'alzata di un gradino misura da 16 a 18 cm.
diciamo dunque che, per inciampare e cadere dalla nave contro la propria volontà, come schettino cerca di far credere, egli dovrebbe essere inciampato su un gradino di altezza inferiore ai 16 cm.
consideriamo per correttezza anche il fatto che all'ora in cui si suppone che schettino sia sceso dalla nave l'inclinazione poteva essere intorno ai 20 gradi.
tenuto conto che un parapetto regolamentare è alto almeno 110 cm si ricava che la sua proiezione verticale è pari a:
110 cm * cos (20) = 103 cm
pertanto, per farla breve, la risposta è: sì.
schettino potrebbe dimostrare di essere caduto dentro una scialuppa, a patto che riesca a dimostare che al momento dell'incidente era improvvisamente diventato alto 103/16*1,80=11 metri.
e sentendo quello che ha detto finora, non mi sento di escludere che possa dare questa spiegazione.

sabato 21 gennaio 2012

IL TEOREMA ALEJ-SGRAD


quante volte si vedono commenti sui blog, soprattutto su quelli con un certo seguito, in cui i lettori fanno a gara per essere i primi a lasciare uno stupido e scialbo commento che attesti il fatto che sono i primi a scrivere una cagata.
avete presente? beh nel mio blog non è mai successo. ma nei blog più famosi lo si vede spesso.
ora mi sono chiesto: è importante questo fenomeno dei "lettori primi"?
sono utili o inutili ai fini del blog?
mi verrebbe da dire inutili, vista la dimensione dell'intelletto dei lettori primi...
però, lo scienziato degno di nobel che alberga dentro di me (si... c'è uno scienziato da nobel dentro di me. è solo che ste cose sono tutte dei magna magna, credete che non lo sappia? è per quello che non lo vincerò mai. stronzi svedesi!) ha cominciato a porsi domande su come vengano lasciati in generale i commenti nei blog.
ho preso così come riferimento due post di un maestro indiscusso della comicità italiana formato 2.0: il grandissimo ed incommensurabile qualcosadelgenere.
ed ho fatto un paio di ragionamenti.
in particolare ho preso in esame due post tra i più rappresentativi in termini di commenti: "gennaio" e "autunno".
grazie ad una macro in excel che a suon di bestemmie (in quanto il formato delle date non risulta compatibile) ha estrapolato i commenti dei due diversi post, è stato possibile effettuare una rappresentazione cartesiana.
i risultati sono facilmente visibili di seguito.



 

 





i grafici hanno confermato quanto la mia mente eccezionale di scienziato sopraffino aveva già ipotizzato senza dati sperimentali.
e cioè che l'andamento non è altri che un esponenziale decrescente.




ciò peraltro è confermato dall'interpolazione (in rosso) della funzione esponenziale come visibile nelle due successive immagini.







a questo punto, con un rapido integrale, si ricava il totale del commenti per post:



il numero totale risulta quindi pari al numero iniziale di commenti moltiplicato per la cosiddetta costante di tempo T detta di Alej-Sgrad.
la cosa importante da osservare, però, è che la costante di Alej-Sgrad non dipende dal post.
si verifica infatti che la costante nei due post, pur essendo estesi su scale temporali molto diverse tra loro, vale sempre circa 4.
questo risultato è peraltro estensibile in generale, qualora il numero di dati a disposizione risulti consistente ed omogeneo.
e così si arriva molto velocemente a quello che diventerà in futuro noto come teorema di Alej-Sgrad.
con un rapido calcolo, si scopre infatti che l'80% dei commenti viene lasciato in un periodo di tempo t* calcolabile nel modo seguente:



e dunque ne discende che l'80% dei commenti viene lasciato nella prima settimana di apparizione del post.



ora, dato che il numero di commenti totale dipende da Io, e cioè dal numero di commenti all'istante t=0, si deduce come i commenti lasciati dai "lettori primi" abbiano un effetto positivo sul numero di commenti totali.

peraltro esiste anche il corollario di Alej-Sgrad il quale, sulla base del teorema suddetto, dimostra che l'intervallo di tempo ottimale tra i vari post, per massimizzare il numero di commenti in un blog, è sempre pari ad una settimana.
infatti un periodo inferiore toglierebbe commenti al post precedente.
un periodo più lungo. invece, disperderebbe la quantità di commenti per effetto dell'esponenziale decrescente.
ovviamente ciò ha interesse solo per i bloggers per cui il numero di commenti ha un qualche valore.
cioè non me, per esempio.


lascio ai lettori più volenterosi la dimostrazione del corollario di Alej-Sgrad.

venerdì 20 gennaio 2012

TITOLO QUALUNQUE


togliamo pure un paio d'anni per buona condotta.
fanno tredici anni in tutto.
per il 2025 schettino sarà pronto per essere accolto come ospite d'onore all'isola dei famosi.
un evento mediatico che la stampa non si lascerà di certo scappare.
così una attempata simona ventura con le tette cadenti potrà urlare dai teleschermi: "naufraghiiiiiiii.....".
non vedo l'ora. mi metto subito un alert sul cellulare...

venerdì 6 gennaio 2012

J. EDGAR - VAFFANCULO AI REGISTI VECCHI



visto che l'ultimo film non si era rivelato una completa delusione, era ovvio che il successivo sarebbe stato una merda.
ed è capitato, in maniera inaspettata, con l'ultima fatica del vecchio (molto vecchio) clint eastwood.
lo dico subito: è un film che riabilita completamente la possibilità di dormire al cinema.
infatti, j. edgar hoover, a capo dell' fbi per oltre quattro decadi, viene presentato per tutto il tempo come una macchietta priva dello spessore che ci si aspetterebbe per un capo del bureau.
un omuncolo fastidioso che blatera per oltre due ore di comunisti, bolscevichi, nemici della libertà e persone che con la loro condotta amorale potrebbero portare alla distruzione della società.
salvo poi constatare che parla bene e razzola malissimo.
praticamente sembra di stare ad un comizio del compianto berlusconi, con la differenza che il tutto è in versione checca isterica invece che bunga-bunga.
si perché la presunta omosessualità di j. edgar, mai confermata, viene qui dichiarata e certificata, anche attraverso una trama omo, così politically correct, che fa rimpiangere "friends".
nutro peraltro il sospetto che l'invecchiamento di di caprio, nelle diverse scene del film, non sia dovuto ai bravissimi truccatori, ma sia reale, e determinata proprio alla lunghezza spropositata del lungometraggio rispetto agli accadimenti della trama.
un altro regista che dovrebbe andare in pensione.