giovedì 15 luglio 2010

SGRADEVOLE INSEGNA: COME NON FARSI RISPONDERE MAI PIU' IN SOLI DUE SMS


la settimana scorsa mi metto d'accordo per l'ennesima volta con una tizia per andare a bere un aperitivo assieme sabato.
sto già pregustandomi la scena in cui mi dice: "che carino che sei stato a prendere i preservativi alla menta, visto il caldo che fa" quando arriva l'unico sms che non vuoi ricevere.

tizia: il caldo mi dà alla testa. che già di suo non funziona granché. ho appena deciso che domani sera parto: quindi per sabato non si può fare...

io: se le tipe che ho frequentato finora fossero state come te per  per quanto riguarda l'affidabilità negli appuntamenti penso che, ad oggi, sarei ancora vergine...

tizia: a parte che tra i vani tentativi di incontrarci c'è stato anche un concorso di colpa... ti faccio solo immaginare (ma limitati a questo) che se io non sono più vergine da un casino di tempo... evidentemente con me ne vale veramente la pena...

io: se non fosse che un uomo si farebbe il 95% di quelle che vede per strada, la tua teoria avrebbe un che di scientifico.
e comunque tieni conto che per il 5% rimanente hanno inventato l'alcool.

venerdì 9 luglio 2010

OPEN POST


noto con piacere che, quanto a competenza sullo sperma, potete essere tranquillamente etichettati come "luridi pervertiti del cazzo".
più di alex.
perché non mi raccontate qualcosa di voi?
raccontatemi di quando avete fatto a gara con vostro cugino per vedere chi lo spara più lontano.
o di come chiudete con perizia la cappella tra pollice e indice prima di venire sulla faccia di lei, per dare vigore al vostro spruzzo.
o di quella volta in cui avete convinto la vostra ragazza a farsi scopare con indosso il vestito da sposa della sorella. e della corsa pazza in tintoria giusto in tempo per la cerimonia.
o di quella volta in cui avete bevuto un composto tossico cinese comprato su ebay per farlo diventare più bianco. o più scuro.
o al gusto di menta.
o di quella volta che avete provato a congelarlo per donarle un po' di refrigerio nelle lunghe notti estive.
o di quella volta in cui siete venuti dentro al minestrone all'insaputa degli ospiti.
o di quella volta in cui avete digitato su google "togliere macchie di sperma dal soffitto".
raccontatemi un vostro giorno qualunque, insomma.

sabato 3 luglio 2010

ALEX



vorrei raccontarvi del mio amico alex.
è un gran personaggio, il mio amico alex.
con la sua camicia taglia xs di raso blu aperta sul petto.
i pantaloni di lino corti che lasciano intravvedere un tatuaggio di hello spank sul polpaccio.
e i mocassini scamosciati viola.
il mio amico alex...
che, d'ora in avanti, potremmo anche chiamare con l'affettuoso nomignolo di "frocio".
poiché questo è, il mio amico alex.
un acchiappa volatili deambulante.

non che io abbia niente da ridire sui froci, sia chiaro.
sono infatti fedele alla linea secondo cui più froci ci sono in giro e più fica rimane a disposizione per gli etero.
o almeno così mi dicono gli amici che scopano.
è semplicemente che non mi sento di avere niente in comune con lui.
a parte il fatto che, ad entrambi, piace infilare in bocca grossi e sugosi pezzi di carne.
ma la mia predilezione per la cucina tipica tedesca è cosa nota, quasi quanto la veganità di alex.

che poi, diciamocelo pure...
vuoi mettere quante occasioni di imbarazzo puoi evitare essendo frocio?
penso ad esempio al controllo della prostata.
te ne stai lì dissimulando il terrore che ti assale vedendo l'enorme mano del nerboruto medico che ti si avvicina furtiva e rilassi maldestramente il viso augurandoti che, alla fine, non ti piaccia più di tanto.
sennò come fai a chiedere il bis alla tua ragazza la sera successiva?
checcazzo, non fai mica il politico a roma, tu.

alex invece semplicemente scosterebbe la frangetta bionda con uno sbuffo selvaggio e divaricherebbe le gambe come se stesse appoggiato al bancone della biglietteria di gardaland, esibendo le natiche scolpite da anni di step.
salvo scoprire, alla fine, che si era recato dall'ignaro medico per una banale congiuntivite.
però anche in questo caso sarebbe abbastanza imbarazzante.
quantomeno per l'oculista.

se penso a quando siamo diventati amici devo ritornare ai tempi del liceo, quando un giorno dimostrò tutto il suo potenziale comico.
comprenderete infatti l'ilarità generale quando alex, dal fondo dell'aula, tentò di confutare la tesi del docente di biologia.
"se lo sperma contiene tutti sti zuccheri che lei dice, come mai ha il sapore di yogurt scaduto?".
una domanda che a 15 anni, converrete,  può alimentare parecchio stupore, tra i compagni di classe.
nessuno di noi infatti, a quell'età, avrebbe confuso il gusto dello zucchero con quello dello yogurt scaduto.
ma si sa come sono, i froci.

devo dire che è sempre stato un rapporto privilegiato quello tra alex e lo sperma.
anche oggi, che ormai è un uomo maturo, e difende la vita delle mucche dalle furie assassine di giovanni rana.
anche perché, da quanto è diventato vegano, è praticamente l'unica fonte di proteine animali che entrano nella sua dieta.

io comunque, devo essere sincero, all'epoca non avrei saputo confutare il docente.
basavo le conoscenze della vita sessuale solo sui racconti tramandatimi da mia nonna.
per la cronaca, anche lei sosteneva che fosse dolce.
"lo prelevo nel sonno a tuo nonno e lo uso come surrogato del fruttosio nel caffè", soleva dire con la sua voce calma e rassicurante di nonna.
fu così che iniziai a fare colazione al bar.

a pensarci meglio oggi, forse il mio amico si era sbagliato sulla questione del gusto.
forse la sua giovane età lo aveva portato all'errore.
oppure potrebbe essere semplicemente stato tratto in inganno, poiché è risaputo che lo sperma dei negri ha un altro sapore.
o almeno questo mi ripeteva sempre mio nonno.