domenica 29 marzo 2009

MI ERO REINCARNATO IN ANSEL ADAMS E NON LO SAPEVO


ogni volta che sento qualcuno assolutamente contrario alla fotografia digitale gli chiedo che macchina utilizzi.
di solito il soggetto in questione ha una leica M5 a telemetro, perchè il telemetro fa fico da morire (so che non avete la più pallida idea di cosa sia, ma vi perdono) e ottiche zeiss con apertura massima 1.4, che neanche fosse il direttore della fotografia di barry lindon in persona (so che non avete la più pallida idea di chi sia, ma vi perdono).
e vi assicuro, non c’è niente che mi stia sui coglioni più di uno che usa la M5.
neanche un suv guidato da una cinquantenne troia in pelliccia, per dire.

o i cani col cappottino.
o emilio fede.
o le donne che credono all’oroscopo.

anzi no. quest’ultima cosa togliamola dall’elenco. è davvero troppo da sopportare.

se poi guardi le foto più belle che hanno fatto, sono, nell'ordine:

- festa di compleanno del figlio alle elementari
- il gatto/cane
- il tramonto dal balcone (solo metà perchè nell'altra metà della foto c'è il pino del condominio di fronte)

poi gli chiedi. ma fai colore o b/n?
beh, che discorsi, solo b/n! sono un purista, io.
e usi carta politenata o baritata (lo so che non avete la più pallida idea di cosa siano ma, dico, non sapete proprio un cazzo?)
risposta tipica: no, no, le stampo al minilab sottocasa.
e allora vaffanculo. tu ed il pirogallolo.

mercoledì 25 marzo 2009

SANDRA


sgradevole: non hai idea di quanto odio sandra.

amico R: perché?

sgradevole: perché sostanzialmente è un'ipocrita.

amico R: beh, sgradevole, devi capire che dentro sandra vivono due donne.
una è una sopita casalinga frustrata di mezza età, mentre l'altra è una emergente carrie di sex and the city.
la sua ipocrisia di fondo nasce dalla lotta intestina a causa della quale la sua anima cool cerca di emergere a scapito dell'altra.
e quando si libererà dai vincoli culturali che le impediscono di diventare ciò che desidera davvero, potrà manifestarsi finalmente la casalinga che è sempre stata.

sgradevole: cazzo, sono perfettamente d'accordo con questa teoria.
se non altro perché, considerando sandra come somma di due donne, si riesce a spiegare il suo culo abnorme.

venerdì 20 marzo 2009

ASSUNTO FONDAMENTALE DELLA FELICITA' SECONDO P.


condizioni necessarie e sufficienti per determinare se un individuo è felice:

- ritiene che gli stiano bene i capelli;
- è andato regolarmente di corpo.

DEMOLITION MAN

andrà così, me lo sento:


"mi svegliai alle nove meno un quarto.
giusto in tempo per preparare il the ed assistere alla scena.

mi affacciai alla finestra e guardai all'orizzonte.
erano già tutti lì.
schierati come un plotone.
mezzo chilometro davanti a me.

un tizio di fronte a loro dava istruzioni con il megafono.
loro applaudivano e fischiavano.
si udivano appena in lontanza.

alle nove in punto cominciarono a fare il conto alla rovescia. Tutti assieme.
dieci...
nove...
otto...
sette...
sei...
cinque...
quattro...
tre...
due...
uno...
zero...

udii una serie di boati tremendi.
il piano sopra il mio venne distrutto dalla prima carica di dinamite.
pochi secondi più tardi fui completamente sommerso dai detriti.
che dire... uno spettacolo imperdibile."

occorrente:
1 tazza di the
1 palazzo da demolire
dinamite quanto basta

mercoledì 18 marzo 2009

PRINCIPIO DI RECIPROCITA' DEGLI EFFETTI SECONDO P.


"sposa bagnata, sposa fortunata".
e suo marito anche.

martedì 17 marzo 2009

LEMMA DELLA TRANSIZIONE



Normal
0
14






MicrosoftInternetExplorer4





/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:"Tabella normale";
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:"";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:"Times New Roman";}


le donne iniziano cercando un uomo uguale al proprio padre ed alla fine diventano uguali alla propria madre.

lunedì 16 marzo 2009

TEOREMA DEL MODELLO FAMILIARE



Normal
0
14






MicrosoftInternetExplorer4





/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:"Tabella normale";
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:"";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:"Times New Roman";}


quelle che hanno la madre troia diventano troie.

sabato 14 marzo 2009

mercoledì 11 marzo 2009

TIGGICINCUE


uno non può arrivare tardi la sera dal lavoro, accendere la televisione, sintonizzarsi incautamente sul tiggicincue e sentire il servizio di una che si definisce giornalista che parla del fatto che due idioti, mentre scopavano in macchina, hanno scoperto una strada in cui le auto salgono da sole a motore spento.

io non posso credere che nel 2009, dopo un servizio del genere, il direttore di un tiggi nazionale non venga radiato dall'albo dei giornalisti, e con lui tutto il suo staff di incompetenti.
eppure è così. nessuno verrà licenziato. rimarranno a sguazzare nella loro mediocrità conclamata.
perchè la signora maria testa di cazzo obesa di merda, che sta a casa a girare la minestra per il marito con la terza media, dice:
"beppe, hai sentito?? c'è una strada in cui la forza di gravità non vale. dobbiamo rivedere tutta la relatività ristretta perché evidentemente non funziona. te l'avevo detto io che dovevamo chiudere tutte le facoltà di fisica. perché se è vero che basta un diploma in cucina orientale per fare la giornalista del tiggicincue e riscrivere tutta la scienza da archimede in poi, vuol dire che andare all'università non serve proprio ad un cazzo. beppe, mi stai a sentire? dobbiamo chiudere le università. beppe. i tiggì si sono adeguati alla nostra cultura. finalmente, beppe. ero stanca di non capire un cazzo di cosa dicevano con le loro parole difficili. beppe, smetti di mangiare il pane. e chiama nostro figlio giampi. che venga a mangiare la minestra, che è pronta. è un coglione. lo so. non ha finito neanche le medie e passa il tempo al bar a farsi di birra fino a sera con gli amici disoccupati che sembra un sessantenne, con la panza che si ritrova. che cazzo potrà mai fare nella vita un idiota del genere? il giornalista, dici? forse si.  tanto anche lui di fisica non ha mai capito un cazzo
. come dici giampi? vuoi fare il sindacalista? beh, non hai mai fatto un cazzo nella vita. hai un curriculum adeguato.".

e vedrete che domani saranno tutti lì. la giornalista. il caporedattore. il regista. e tutta l'allegra compagnia.
alla faccia vostra, stronzi. che avete sudato, nella vita.
loro saranno lì.
e un giorno, vedrete che gianpi diventerà il vostro capo.
perchè siamo in italia, checcazzo.
ficcatevelo in testa.
o in culo.

martedì 10 marzo 2009

MAY I HAVE YOUR ATTENTION PLEASE?



Normal
0
14






MicrosoftInternetExplorer4





/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:"Tabella normale";
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:"";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:"Times New Roman";}


l'ho cercato su splinder.
l'ho cercato su blogspot.
l'ho cercato su qualcosadelgenere.
l'ho cercato su fainaincazzosa.

ed alla fine l'ho trovato.

il miglior post di sempre (21 years old!).

lunedì 9 marzo 2009

COGITO ERGO SUM



Normal
0
14






MicrosoftInternetExplorer4





/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:"Tabella normale";
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:"";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:"Times New Roman";}


per televisione ho visto il filmato di un tizio che si è buttato in mare da una scogliera, da una decina di metri di altezza, pensando che l'acqua fosse molto profonda.

probabilmente tutte le persone che passeggiavano felici sul pelo dell'acqua non rappresentavano per lui un indizio sufficiente.

sfortunatamente per il genere umano, non è morto.

sabato 7 marzo 2009

SE QUESTO E' QUANTO, CHIUDIAMO TUTTI I BLOG


ok, ok. abbiamo scherzato, e ci siamo divertiti.
adesso però un bel calcio in culo e rimandiamole a zappare la terra.

o magari mi sono sbagliato e non intendono pro-ana, ma pro-anal.

venerdì 6 marzo 2009

IL BLOG E' CHIUSO


uno dei vantaggi che discendono dall'aver chiuso il blog, è di poter scrivere cose apparentemente bizzarre.
ad esempio si può scrivere un post dicendo che il blog è chiuso.
e niente altro.

FILM



ho in mente un film del quale non ho mai tempo di buttare giù la sceneggiatura.
però ho abbastanza chiare le idee per quanto riguarda la colonna sonora.

i tizi protagonisti provocano il panico a downtown con un hummer H1 sfasciando tutto quello che trovano sulla loro strada, e uccidendo cani, bambini e vecchiette.
chemical Brothers - Leave Home

i tizi protagonisti si drogano e bevono tutta la notte.
Philip Glass - Heroes (Aphex Twin Remix)

orgia collettiva.
Mirways - Disco science

seconda orgia collettiva (più intima della precedente, per quanto possa essere intima un'orgia, ovvio).
Hoover - 2 Wicky

rapina in banca dove si spara all'impazzata con la polizia fino all'alba.
The Prodigy - Smack My Bitch Up

lei muore, e ben le sta. così impara a fare la gnocca drogata che rapina banche.
Pluxus - Perm

flash back di quando erano giovani e coglioni. cioè esattamente come adesso, ma più giovani.
The Good The Bad And The Queen - Kingdom Of Doom

ultima disperata fuga, in cui uccidono qualche altro cane, bambino e vecchietta.
Chemical Brtothers-Get Yourself High

finale che muoiono tutti. e cazzi loro.
Pasquale catalano - subtle body



p.s. il blog è sempre chiuso. evvaffanculo a tutti quanti.


mercoledì 4 marzo 2009

VACANZE ROMANE


premesso che il blog è sempre chiuso, e non rompetemi i coglioni in merito, vorrei trasmettere ai posteri alcune osservazioni tratte da un breve ma intenso soggiorno presso la città eterna, in modo che possano usufruire aggratis di tanta scienza infusa.

*
ho girato senza sosta tutta la città per tre giorni.
strade, monumenti e metropolitana.
avrò visto cinque milioni di persone, e solo tre cinesi.
devo davvero cominciare a pensare che sono tutti uguali.
*
dopo aver frequentato la metropolitana all’ora di punta mi sento in dovere di eliminare per coerenza, dall’elenco delle cose da non fare, anche il sesso non protetto con sconosciuti.
*
nota: provarci con una turista tedesca, mentre sei in coda ed aspetti invano di entrare a s. pietro, non ha prezzo.
*
come prenotare a villa borghese.

telefonando per avere la prenotazione, una voce risponde in automatico: “premere 1 per la lingua italiana, premere 2 per l’inglese.”
ottimo inizio, non c’è che dire.

sgradevole: buongiorno, vorrei prenotare un ingresso per il museo di villa borghese. (ndr: si sono andato in vacanza da solo, e a voi che ve ne importa?)
signora del call center: bene, si ricordi il seguente codice.
sgradevole: è numerico? così me lo annoto sul cellulare.
signora del call center: no, no! è alfanumerico.
sgradevole: va bene, non si preoccupi, lo annoto lo stesso.
signora del call center: stia attento! apra “nuovo messaggio” sul cellulare e poi scriva: 423542rf8 e poi lo salvi in bozze. e si ricordi di non uscire dal menu prima di salvare.
sgradevole: …
signora del call center: fatto?
sgradevole: si, spero di averlo scritto giusto.
signora del call center: vabbè tanto non serve a niente, basta che quando viene ci dica il cognome.
*
niente storia alla galleria di arte moderna.

arrivo presso la galleria nazionale di arte moderna a roma.
sono in piedi di fronte al capolavoro del canova, l’ercole e lica, in preda ad una crisi di stendhal, quando mi giro e vedo che di fianco a me sta seduta una ragazza che tiene le gambe alzate sopra le sedie adiacenti ed è tutta intenta a disegnare a matita.
ha capelli rossi, stivali in pelle nera, autoreggenti sopra il ginocchio, ed una microgonna di cui non è dato sapere dove inizi.
se ne sta lì fissando la statua e disegnandola a matita su un foglio.
la camicetta aperta invita l’occhio ad entrare ed indagare meglio la situazione.
in quel preciso istante ho la certezza che stendhal era un perfetto coglione e non capiva un cazzo di cosa è bello e cosa no.
comincio a girarle intorno con la speranza che distolga lo sguardo dal foglio.
sto già pensando a cosa dirle.
ce l’ho più duro del marmo di carrara e, in proporzione ad ercole, anche più possente.
ma niente da fare. si alza e scompare in un millesimo di secondo senza degnarmi di uno sguardo.
museo del cazzo.
*
l’ho capito solo troppo tardi che non conviene prendere, come riferimento per le vie di roma, i venditori di castagne. ha ragione amico C.: ci sono più venditori di castagne a roma che mc donalds.
il che è tutto dire.
*
i romani riescono ad essere divertenti anche quando cercando di ammazzarti.

una guardia della metro viene bloccata da un collega mentre cerca di raggiungere e picchiare un uomo al di là dei tornelli.

guardia metro: vaffancuulo! se te pijio!
uomo: stronzo! bastardo! prova a mettermi le mani addosso se hai coraggio!
guardia metro: se te metto io e mani addosso, manco a scientifica te riconosce più.
*
musei vaticani.

guardasala 1: mazza. francé. che sstanza rumorosa checciài!
guardasala 2: è perché c’ho la stanza mejo der mondo, de best in de uord. (ndr: stanza della scuola di atene di raffaello).
guardasala 1: mazza, francé. quanto cciài raggione.
guardasala 2: ammàzza pure er culo de sta bionda però è de best in the uord.
guardasala 1: eh, c’hai raggione a francé.